Il sistema europeo di allerta rapido

Il RAPEX, previsto dalla Direttiva 2001/95/CE, recepita in Italia con il Decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206 (Codice del consumo), disciplina la maggior parte dei beni di consumo, tranne alimenti e mangimi, prodotti farmaceutici e dispositivi medici, per i quali esistono specifici sistemi di allarme.

Quando viene accertata la pericolosità di un articolo in commercio (ad es. un cosmetico, un giocattolo, un  elettrodomestico, ecc.), l’Autorità nazionale competente prende gli opportuni provvedimenti (richiamo volontario, ritiro, sequestro) per eliminare il rischio e fa circolare l’informazione in tempo reale in tutti i paesi dell’Unione europea.

Il sistema di allerta rapido consente agli Stati membri, verificata la presenza sul proprio territorio dell’articolo in questione, di mettere in atto a loro volta le azioni opportune in relazione alla gravità del rischio segnalato.

L’elenco dei prodotti pericolosi notificati dai diversi paesi, con l’indicazione dei rischi rilevati e delle misure adottate al fine di impedirne o limitarne la commercializzazione o l'uso, viene pubblicato dalla Commissione europea con cadenza settimanale ed è accessibile a chiunque sia interessato.

I provvedimenti di portata nazionale vengono inoltre segnalati dal Ministero della Salute tramite il proprio portale (sezione “Avvisi di sicurezza”).

Il coordinamento del sistema RAPEX a livello nazionale è assicurato dal Punto di Contatto Italiano, istituito presso il Ministero dello Sviluppo economico, a cui pervengono le segnalazioni trasmesse da altri uffici del Ministero stesso o dalle altre amministrazioni (es. Ministero della Salute, Ministero dei Trasporti), che effettuano la vigilanza sul mercato per i prodotti di propria competenza.

 

Data di pubblicazione: 19/04/2017 11:44